Provocazioni in Siria. Attacco chimico di Caschi Bianchi

  
0

1. Siria

Il comando delle forze armate siriane ha riferito che «l’esercito siriano ha sgomberato una serie di insediamenti nel sud di Idlib, tra cui Maarret-en-Nuuman, dai terroristi». È stato anche riferito che l’esercito ha riguadagnato il controllo di 14 villaggi nelle vicinanze della città.

2. Siria

Il portale di notizie Al Masdar riporta che dopo la liberazione della città di Maarret-en-Nuuman, l’esercito siriano continua l’offensiva nella provincia di Idlib. Secondo Al Masdar, le unità avanzate della 25a divisione delle forze speciali si trovano a 13 km da Sarakib, che si trova sull’autostrada Latakia-Aleppo e nella vicina Erichi. Questi insediamenti sono sotto il controllo del gruppo terroristico Jebhat al-Nusra (illecito nella Federazione Russa) e coprono il passaggio al centro amministrativo di Idlib. Le forze governative siriane sono state costrette a lasciare l’area nel 2015.

3. Siria

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria ha distribuito un video dell’interrogatorio di un militante catturato che ha assistito alla preparazione dei caschi bianchi per una nuova provocazione. Il militante di nome Abu Hamza era responsabile della custodia dei magazzini nella città di Kafr Hamra. Ha detto che l’altro giorno ha visto «persone della protezione civile», cioè «Caschi Bianchi», arrivati ​​al magazzino. «Non so che cosa fosse immagazzinato lì. Qualche tempo fa (la gente) è arrivata in un minibus e ha caricato scatole con carri armati grigi e scatole con parti di razzi e conchiglie. Hanno anche preso le attrezzature per le riprese», ha detto. In precedenza, il capo del centro russo per la riconciliazione delle parti in Siria, Yuri Borenkov, ha affermato che i militanti e i loro complici dei caschi bianchi stanno preparando una provocazione con l’uso di sostanze tossiche in Siria e hanno in programma di accusare le autorità siriane dell’attacco.

4. Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato la Russia di non aver rispettato gli accordi di Astana e ha affermato che la pazienza della Turchia «sta per finire». «Ora non è rimasto nulla di simile al processo di Astana. Si è placato o è stato smorzato. Noi con la Russia e l’Iran abbiamo bisogno di vedere cosa fare per riprendere questo processo», ha affermato la televisione di NTV citando Erdogan. Il ministero degli Esteri russo, commentando la dichiarazione di Erdogan, ha affermato che «la Russia è impegnata nella rigorosa attuazione dei suoi obblighi».

5. USA

L’ambasciata russa negli Stati Uniti ha convocato senza vergogna riscrivere la storia su Twitter all’ambasciata americana in Danimarca che il campo di concentramento nazista di Auschwitz è stato «liberato» dall’esercito americano. Nonostante le critiche degli utenti, la missione diplomatica degli Stati Uniti non ha corretto il testo. Un errore simile era stato precedentemente commesso dalla rivista tedesca Der Spiegel, che aveva pubblicato un post su Twitter in cui si affermava che il campo di concentramento di Auschwitz sarebbe stato presumibilmente liberato dai militari statunitensi e non dall’Armata Rossa.

6. Russia

Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha dichiarato mercoledì che il principale ostacolo al ripristino della vita pacifica in Siria sono le azioni del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che non disdegna “nulla per attuare le sanzioni più severe che bloccano qualsiasi cibo, assistenza medica, abbigliamento e assistenza finanziaria a siriani pacifici veramente innocenti sui liberati dai terroristi nel loro paese». Konashenkov ha anche sottolineato che il segretario di Stato americano Michael Pompeo definisce i militanti «civili innocenti».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: