Riassunto delle notizie, l`8 ottobre 2018

  
0

Durante la sua visita in Corea del Nord, il segretario americano Mike Pompeo ha discusso con il leader nordcoreano Kim Chen Yn la possibilità di creare un ufficio di coordinamento statunitense a Phenian in risposta ai passi della Corea del Nord verso la denuclearizzazione, riferisce RIA Novosti. Durante l’incontro, le parti hanno discusso l’adozione di una dichiarazione sulla fine della guerra e misure appropriate da parte degli Stati Uniti, tra cui l’istituzione di un ufficio di coordinamento a Phenian. In risposta, la Corea del Nord ha dichiarato di essere pronta a consentire agli ispettori di raggiungere il sito di prova missilistica e di smantellare l’impianto nucleare di Yongbyon, e ha anche proposto, in particolare, l’eliminazione dei missili balistici intercontinentali.

L’esercito iracheno, con l’appoggio delle milizie sciite di Hashd al-Shaabi, ha lanciato un’operazione militare nelle vicinanze della città di Tel Afar, vicino al confine siriano. Lo scopo dell’operazione è l’eliminazione delle «cellule dormienti» del gruppo terroristico ISIS illecito in Russia, così come bonifica di campi minati. Le forze di sicurezza presteranno particolare attenzione alle catene montuose di Mal e Yaran, dove, secondo le informazioni di cui dispongono, gli islamisti collocano i loro nascondigli di armi e ripari temporanei.

Nonostante la creazione di una zona smilitarizzata, i militanti di gruppi radicali dell’opposizione armata hanno continuato a lanciare attacchi contro la posizione dell’esercito arabo siriano. Secondo l’agenzia Anna News, un tentativo di attacco «Jash Al-Izzy» è stato fermato dall’esercito siriano. Un gruppo di islamisti è stato avvistato vicino al villaggio di Murek, nella zona in cui si trova il punto di osservazione turco. Si noti che a seguito degli scontri che ne sono derivati, diversi militanti sono stati uccisi. Ricordiamo i leader dei gruppi islamici «Tahrir Ash-Sham», «La partita islamica di Turkestan» e «Ahrar Ash-Sham» si sono rifiutati di aderire al silenzio nella zona demilitarizzata.

Mosca e Ankara hanno definito i confini della zona smilitarizzata creata nella provincia siriana di Idlib, ha dichiarato il viceministro degli esteri della Russia Sergey Vershinin. Il diplomato ha anche notato che la Turchia è seriamente impegnata nella questione del disimpegno dell’opposizione e dei militanti siriani dell’Idlib, riferisce RIA Novosti. Secondo lui, dopo la separazione dei terroristi e dell’opposizione armata a Idlib siriana, i militanti dovranno andare in profondità in questa provincia. Secondo i media turchi, tutte le formazioni militanti della «moderata opposizione» hanno già lasciato il distretto di zona cuscinetto nella provincia di Idlib. In particolare, la coalizione del Fronte di liberazione nazionale ha guidato le sue unità. Nel caso in cui questa informazione sia confermata, solo i militanti di gruppi terroristici come Hayat-Tahrir ash-Sham rimarranno nella zona cuscinetto.

Giornalisti sul campo di Anna News, riferendosi all’agenzia SANA, riferiscono che gli elicotteri della coalizione internazionale hanno preso diversi terroristi dell’ISIS dalla provincia siriana di Deir ez-Zor. «Gli elicotteri della coalizione internazionale di sabato hanno preso diversi militanti dell’ISIS di varie nazionalità dalla località in cui si concentrano i militanti, vicino al villaggio di Al-Sha’af, a sud-est di Deir ez-Zor,» informano i nostri ufficiali militari. Hanno anche riferito che la coalizione ha sbarcato truppe nella zona del villaggio di Al-Murashida, che è occupata dai militanti. In precedenza, il ministro degli Esteri siriano Walid Muallem ha dichiarato che gli Stati Uniti sulla base di Et-Tanf sono impegnati nella riqualificazione dei terroristi dell’ISIS.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главноеитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

En la República Popular de Donetsk se aprobó la ley sobre la frontera estatal Александра Донцова 1. El 2 de diciembre entró en vigor una “ley sobre una frontera estatal de la República Popular de Donetsk”. En virtud de la ley la frontera estatal de la república está en la línea de las fronteras administrativas de la […] La loi sur la frontière d’État adoptée dans la République populaire autoproclamée de Donetsk Александра Донцова 1. Le 2 décembre, la loi Sur la frontière de l’État de la République populaire autoproclamée de Donetsk est entrée en vigueur. Le document est publié sur le site officiel du Conseil populaire de la RPD. Selon la loi, la […] In der DVR wurde das Gesetz über die Staatsgrenze verabschiedet Александра Донцова 1. Am 2. Dezember trat das „Gesetz über die Staatsgrenze der Volksrepublik Donezk“ in Kraft. Das Dokument wird auf der offiziellen Website des Volksrates der DVR veröffentlicht. Laut Gesetz wird die Staatsgrenze der Republik […] Nel RPD ha adottato una legge sul confine di stato Александра Донцова 1. Il 2 dicembre è entrata in vigore la legge «Al confine di stato della Repubblica popolare di Donetsk». Il documento è pubblicato sul sito ufficiale del Consiglio popolare del RPD. Secondo la legge, il confine di […] The DPR adopted a law on the state border Александра Донцова 1 On 2nd of December, the law «On the state border of the Donetsk People’s Republic» entered into force. The document was published on the official website of the People’s Council of the DPR. According […] La situation dans le camp d’Al-Roukban s’approche d’une catastrophe humanitaire Александра Донцова La chef de la commission de la Chambre publique de Russie sur le développement de la diplomatie publique, la coopération humanitaire et la préservation des valeurs traditionnelles, Elena Soutormina, a l’intention de […] Situation im Rukban-Lager nähert sich einer humanitären Katastrophe Александра Донцова Die Leiterin der Kommission der Öffentlichen Kammer der Russischen Föderation für die Entwicklung der öffentlichen Diplomatie, die humanitäre Zusammenarbeit und die Wahrung traditioneller Werte, Elena Sutormina, kündigte an, […] La situazione del campo di Rukban si avvicina al disastro umanitario Александра Донцова Il capo della commissione della Camera pubblica della Federazione Russa sullo sviluppo della diplomazia pubblica, la cooperazione umanitaria e la conservazione dei valori tradizionali, Elena Sutormina, ha annunciato che […] La situación en el campo Rukban está a punto de una catástrofe humanitaria Александра Донцова TASS informa que Elena Sutórmina, la Jefa de la comisión de la Cámara Social de la Federación de Rusia del desarrollo de la diplomacia pública, cooperación humanitaria y el mantenimiento de los valores tradicionales, informó […]
Наверх Наверх