Risoluzione del conflitto in Libia

  
0

1.Armenia — Azerbaigian.

Il segretario stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan sulla sua pagina Facebook ha dichiarato che «un distaccamento di forze speciali delle forze armate azere ha lanciato un attacco alla posizione armena». L’attacco al posto di combattimento dell’esercito armeno è avvenuto mercoledì notte. È stato riferito che i soldati armeni hanno respinto l’attacco, le forze speciali azere hanno subito perdite. Il ministero della Difesa azero ha negato il messaggio della parte armena, definendolo «un’altra disinformazione». «C’è calma nella nostra sezione del confine di stato, non abbiamo perdite. Tuttavia, c’è panico tra i militari armeni dall’altra parte del confine. In precedenza abbiamo sentito colpi di armi leggere nelle posizioni delle forze armate armene», ha detto il capo del servizio stampa del ministero della difesa azero Vagif Dargahli.

2. Russia — Nagorno-Karabakh

Il vice ministro degli Esteri russo Alexander Grushko ha dichiarato in un’intervista a TASS che la risoluzione del conflitto nel Nagorno-Karabakh è nell’interesse di tutti gli stati della regione e dei paesi che partecipano al processo di negoziazione. «Riteniamo che non solo la Russia, ma anche altri stati preoccupati per la creazione e il rafforzamento della stabilità in questa regione, debbano fare dichiarazioni che incoraggiano le parti a stabilire la pace, cessare il fuoco e separare le parti», ha affermato. «L’attuale crisi non dovrebbe portare a un ritorno dai progressi compiuti a seguito di sforzi titanici, principalmente da parte della Federazione Russa, nel ravvicinare le prospettive di una soluzione al conflitto del Nagorno-Karabakh», ha sottolineato Grushko.

3. Libia

Aref Ali Nayed, ambasciatore del parlamento libico nella parte orientale del paese presso l’UE, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti e l’Unione africana, ha affermato che le tribù libiche hanno chiesto all’Egitto di intervenire nel paese a causa della mancanza di scelta tra le azioni della Turchia. Secondo lui, la Turchia è presente illegalmente in Libia, dal momento che non ha ricevuto il permesso dal parlamento del paese, e ha già trasportato quasi 16 mila militanti in Libia, e ha anche stabilito «egemonia totale» sulla Libia e le sue risorse. Ha notato che le tribù della Libia hanno chiesto aiuto all’Egitto, perché vogliono la pace, non la guerra. Il diplomatico ha sottolineato che il governo di accordo nazionale (NTC) e il Consiglio di Stato libico hanno assunto una posizione «arrogante», respingendo l ‘»Iniziativa del Cairo» per risolvere la crisi libica, che potrebbe portare a una situazione molto pericolosa.

4. Russia — Turchia — Libia

Una dichiarazione congiunta di Russia e Turchia a seguito delle consultazioni ad Ankara afferma che la Russia e la Turchia intendono creare un gruppo di lavoro congiunto per risolvere la situazione in Libia. Il testo del documento è pubblicato sul sito web del ministero degli Esteri russo. Le parti hanno inoltre ribadito il loro impegno per la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale della Libia, sottolineando la necessità di combattere terroristi e gruppi terroristici. Le parti hanno espresso fiducia nel fatto che il conflitto in Libia non ha soluzione militare e può essere risolto solo attraverso un processo politico «guidato e portato avanti dagli stessi libici con l’assistenza delle Nazioni Unite». Le consultazioni interdipartimentali su un insediamento in Libia si sono svolte ad Ankara dal 21 al 22 luglio.

5. USA — Cina

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che gli Stati Uniti hanno richiesto la chiusura del consolato generale cinese a Houston. «Il 21 luglio, gli Stati Uniti hanno richiesto fermamente che la Cina chiuda il consolato generale della RPC a Houston. Questa provocazione politica unilaterale degli Stati Uniti viola gravemente il diritto internazionale e i principi chiave delle relazioni internazionali, nonché l’accordo consolare tra Cina e Stati Uniti. La Cina condanna fermamente questo oltraggioso e ingiustificato passo. che sabota le relazioni tra Cina e Stati Uniti «, ha detto un portavoce del ministero degli Esteri cinese. Secondo lui, la Cina «invita gli Stati Uniti a ritirare immediatamente questa decisione errata», altrimenti Pechino adotterà le misure legali e necessarie in 72 ore «.

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Intervento turco» in Libia Александра Донцова 1. Libia Il canale televisivo Al Arabiya, citando fonti, ha riferito che l’esercito nazionale libico (LNA) del maresciallo di campo Khalifa Haftar ha inviato un messaggio a Washington domenica, in cui ha chiesto il […] “La intervención turca” en Libia Александра Донцова 1.Libia. El canal de televisión Al Arabiya informó que el Ejército Nacional de Libia encabezado por Khalifa Haftar, había alentado a Washington a que controlara los cruces y puertos fronterizos terrestres y marítimos, […] « L’intervention turque » en Libye Александра Донцова 1 Libye Selon la chaîne Al Arabiya citant des sources, dimanche l’armée nationale libyenne du maréchal Khalifa Haftar a appelé Washington au contrôle international sur les points de passage de la frontière terrestres et […] „Türkische Intervention“ in Libyen Александра Донцова 1. Libyen Der Fernsehsender Al Arabiya berichtete unter Berufung auf Quellen, dass die libysche Nationalarmee (LNA) von Feldmarschall Chalifa Haftar am Sonntag eine Nachricht nach Washington geschickt habe, in der er die […] Turkish intervention in Libya Александра Донцова 1 Libya The »Al Arabiya» TV reported while citing their sources that on Sunday, the Libyan National Army, headed by the Field Marshal Khalifa Haftar, sent a message to Washington. The LNA called for an international […] Главное на вечер 3 августа 2020 года Влад Николаев Телеканал Al Arabiya со ссылкой на источники сообщил, что Ливийская национальная армия (ЛНА) фельдмаршала Халифы Хафтара направила в воскресенье послание Вашингтону, в котором призвала к международному контролю над […]
Наверх Наверх