Scontri ad Aleppo

  
0

Le forze armate americane, presenti alla base di At-Tanf in Siria, interagiscono attivamente con il gruppo terroristico dello Stato islamico (illecito nella Federazione Russa) e si considerano padroni della terra in cui si trovano. Lo ha annunciato l’ex comandante di un gruppo di militanti fuggiti da Al-Tanf e passato dalla parte dell’esercito siriano, Abu Hamzi. «Gli americani credono che questa sia la loro terra. Lì sono come dei re. …. Collaborano con i combattenti dell’ISIS. Hanno lavorato con i membri dell’ISIS, … ancora li addestrano e lavorano con loro», cita Parole di TASS ad Hamzi. Ha anche affermato di aver visto alla base di Al-Tanf un gruppo di 30-40 membri dello Stato islamico, addestrati dalle truppe statunitensi. L’ex comandante dei militanti ha anche affermato che i rifugiati nel campo di Rukhban ricevono solo il 10% degli aiuti umanitari a loro destinati e che il resto viene messo in vendita dai terroristi del gruppo dello Stato islamico.

L’agenzia siriana SANA riferisce che gli scontri tra militanti filo-turchi sono ripresi nel nord della provincia di Aleppo ad Afrin, provocando la morte di un civile. Feriti anche due bambini. L’agenzia osserva che recentemente, a causa degli scontri di militanti nelle province di Hasake, Rakka e Aleppo, un numero significativo di civili è stato ucciso e ferito.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il Ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu hanno discusso della comunicazione telefonica sulla questione siriana. Le parti hanno inoltre ribadito l’importanza di preparare il vertice degli «Astana Tre» che si terranno a Teheran. «L’umore è stato ribadito per rafforzare ulteriormente la cooperazione nell’interesse di una soluzione globale della crisi siriana con il sostegno della comunità internazionale in linea con le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. A tale proposito, è stato ribadito l’impegno dei leader di Russia e Turchia e l’Iran come paesi garanti del formato di Astana. I ministri hanno sottolineato l’importanza di preparare il prossimo vertice della «Astana Tre» che si terrà a Teheran «, ha dichiarato il ministero degli Esteri russo.

Il governo di accordo nazionale libico, guidato da Faiz Sarraj, ha annunciato il pieno controllo della base aerea di El-Batu. Lo ha riferito il canale televisivo libico Libya Alahrar. Il canale televisivo cita una dichiarazione del generale Abdel Basyt Mervan, comandante delle operazioni del governo del governo degli accordi nazionali nella regione di Tripoli, in cui si afferma che le truppe del governo degli accordi nazionali «hanno preso completamente il controllo della base militare di El-Batu». In precedenza, la base dell’esercito nazionale libico era sotto il comando del maresciallo di campo Khalifa Haftar. Dall’inizio di maggio, gruppi armati del governo dell’Accordo nazionale hanno tentato tre volte di colpire la base aerea di El-Batu, che si trova a 100 km a sud-ovest di Tripoli. L’ultimo attacco è stato fatto circa una settimana fa. Tuttavia, fino a poco tempo fa, l’esercito nazionale libico è riuscito a difendere la sua posizione.

Il maresciallo di campo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar ha riferito di due droni turchi abbattuti. Il primo drone, di proprietà delle forze del governo di Accordo Nazionale, fu distrutto dai calcoli della difesa aerea dell’LNA quando provò ad attaccare le loro posizioni nell’area di Tarhun, a sud-est della capitale. Il canale televisivo Al Arabiya riferisce che un secondo drone è stato anche abbattuto nelle vicinanze della città dopo poche ore.

Il consigliere per la sicurezza nazionale presidenziale degli Stati Uniti Robert O’Brien su Fox News ha affermato che gli Stati Uniti terranno presto «importanti colloqui sul controllo degli armamenti» con la Russia. Quando gli è stato chiesto se Washington si sarebbe ritirata da START III, come è successo con il Trattato sui cieli aperti, O’Brien ha dichiarato di non considerare probabile uno scenario del genere. «Abbiamo messo insieme una squadra molto forte per i negoziati, il presidente ha scelto l’inviato per guidare questa squadra, questo è Marshall Billingsley, abbiamo persone del Ministero dell’Energia, del Ministero della Difesa e del Dipartimento di Stato, che si stanno preparando per i negoziati con la Russia. Condurremo negoziati sul controllo del nucleare armi. Crediamo che questo sia importante «, ha detto O’Brien. La riunione dell’inviato presidenziale americano per il controllo degli armamenti Marshall Billingsley e del viceministro degli esteri russo Sergei Ryabkov sul trattato START-3 avrà probabilmente luogo a Vienna. Questo è stato precedentemente riportato dal Wall Street Journal, citando una fonte dell’amministrazione statunitense.
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх