Siria. L’esercito americano ha bloccato il convoglio russo

  
0

1.USA — Siria

Il capo del servizio stampa del Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca, John Elliot, ha affermato che la parte russa ha violato i protocolli di non conflitto durante l’incidente nel nord-est della Siria. Si dice che le truppe statunitensi siano state ferite in un incidente avvenuto la mattina del 25 agosto nella zona di Derik, nel nord-est della Siria. «Durante l’incidente, veicoli russi si sono schiantati contro un’auto blindata della coalizione, causando lesioni all’equipaggio. Per attenuare la situazione, una pattuglia della coalizione ha lasciato l’area», ha detto Elliot. In precedenza, il quotidiano Politico aveva riferito dell’incidente nel nord-est della Siria, citando fonti del Pentagono. Il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov ha detto che una discussione sulla situazione attuale si è svolta sulla linea dei capi di stato maggiore dei due paesi. Didi Halfhill, portavoce del Comitato dei capi di stato maggiore, ha dichiarato mercoledì che Mark Milli, capo del Comitato dei capi di stato maggiore delle forze armate statunitensi, ha avuto una conversazione telefonica con il capo di stato maggiore delle forze armate russe Valery Gerasimov. Si noti che, in conformità con la prassi precedente, i dettagli specifici della conversazione non saranno divulgati.

2. Russia-Siria

Il ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che il capo di stato maggiore delle forze armate russe, Valery Gerasimov, ha fornito spiegazioni esaurienti al presidente dei capi di stato maggiore congiunti delle forze armate statunitensi, Mark Milli, su un incidente che ha coinvolto i militari dei due paesi in Siria. Il ministero della Difesa ha riferito che la pattuglia militare russa in Siria, durante l’incidente, ha agito in risposta ai tentativi statunitensi di bloccare il movimento del convoglio russo. Si sottolinea che le forze della coalizione sono state informate in anticipo del passaggio del convoglio della polizia militare russa. «Nonostante ciò, in violazione degli accordi esistenti, le forze armate statunitensi hanno tentato di bloccare la pattuglia russa. In risposta, la polizia militare delle forze armate di Federazione Russa ha preso le misure necessarie per prevenire l’incidente e adempiere ulteriormente al compito», ha detto il ministero della Difesa.

3.USA

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria, James Jeffrey, ha affermato che il governo siriano non dovrebbe reclamare nuovi territori dalle forze armate di opposizione, ma dovrebbe sedersi al tavolo dei negoziati. «Questa è la nostra priorità e ne discuteremo con i funzionari turchi», ha detto Jeffrey. «La Siria è un’enorme minaccia alla sicurezza e alla geopolitica per tutti i suoi vicini, a cominciare dalla Turchia. La Turchia dovrebbe essere al tavolo dei negoziati in qualsiasi risoluzione di questo conflitto», ha aggiunto. Il 27 agosto Jeffrey incontrerà il rappresentante ufficiale del presidente della Turchia Ibrahim Kalyn e il ministro della Difesa nazionale della Turchia Hulusi Akar.

4. Svizzera — Siria

L’ufficio dell’inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria Geir Pedersen ha affermato che il (piccolo) gruppo editoriale del Comitato costituzionale siriano sta riprendendo i lavori a Ginevra.

Il piccolo gruppo del Comitato costituzionale siriano si è riunito il 24 agosto presso la sede dell’ONU a Ginevra dopo una pausa di quasi nove mesi causata dalla pandemia di coronavirus. I delegati dovevano discutere la questione dei «fondamenti e principi nazionali» del paese. Tuttavia, la sera dello stesso giorno, a quattro membri del gruppo è stato diagnosticato il coronavirus. A questo proposito, Pedersen ha deciso di sospendere i lavori. È stato riferito che la decisione di riprendere il lavoro è stata presa dopo ulteriori test sui partecipanti e sulla base delle raccomandazioni degli esperti. L’ufficio dell’inviato speciale «è stato formalmente informato dalle autorità sanitarie competenti … che la terza riunione del piccolo gruppo di QCJ può riprendere i loro incontri, con il completo allontanamento sociale e le opportune precauzioni».

5. Libia

Proseguono le azioni antigovernative nella capitale libica Tripoli. Il portale di notizie LibyaReview riporta che le forze dell’ordine, controllate dal governo di accordo nazionale del primo ministro Faiz Sarraj, hanno sparato intensamente per disperdere i manifestanti. Si parla anche della detenzione di attivisti. Nonostante il coprifuoco di quattro giorni imposto mercoledì dal CNT con il pretesto di una pandemia di coronavirus, le persone si sono radunate in Piazza dei Martiri e in alcune vie centrali. Per decisione del Consiglio dei Ministri furono vietati raduni religiosi e pubblici, manifestazioni di massa e l’uso dei trasporti pubblici. Le proteste a Tripoli sono continuate dal 23 agosto.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: