Tregua in Donbass

  
0

1.

L’azione di misure aggiuntive per garantire il regime di cessate il fuoco e il controllo sulla sua osservanza consente di porre rimedio ai crimini commessi dalle forze di sicurezza di Kiev. Kirill Belov, un rappresentante dell’ufficio del procuratore generale di RPL, ne ha parlato ai giornalisti durante una visita al villaggio in prima linea di Golubovskoye. Durante la visita a Golubovskoye, i rappresentanti del dipartimento hanno registrato le conseguenze del bombardamento avvenuto all’inizio di luglio, a seguito del quale sono stati distrutti un edificio residenziale e annessi in via Artem, 72. Belov ha chiarito che era situazione tesa nella zona.

2.

Rappresentanti della milizia popolare della RPL hanno registrato tre esplosioni nelle posizioni delle forze di sicurezza di Kiev nell’area dell’insediamento di tipo urbano Luganskoye. Lo ha annunciato in un briefing Ivan Filiponenko, un ufficiale del servizio stampa del Dipartimento di Polizia Popolare della RPL. Ha notato che con le loro azioni le forze di sicurezza di Kiev hanno provocato un incendio nell’erba secca, a seguito del quale è avvenuta la detonazione di munizioni nelle posizioni della 1a compagnia del 1° battaglione della 24a brigata. L’ufficiale del servizio stampa ha sottolineato che le unità della milizia popolare della RPL hanno rispettato rigorosamente i termini del cessate il fuoco e non hanno aperto il fuoco.

3.

Ulteriori misure per rafforzare e controllare l’attuale cessate il fuoco stanno dando risultati positivi e le violazioni del cessate il fuoco nel Donbas sono diventate poche. Lo ha affermato il rappresentante plenipotenziario della RPD nei negoziati del Gruppo di contatto, il ministro degli Affari esteri della Repubblica Natalia Nikonorova. Misure aggiuntive sono state concordate dal gruppo di contatto il 22 luglio. L’obiettivo è raggiungere un cessate il fuoco stabile fino a una soluzione completa e globale del conflitto. È stato formalmente operativo nella regione da un anno, dal 21 luglio 2019, e prima di esso c’erano stati più di 20 tentativi di porre fine al confronto civile nella regione. Tuttavia, ogni volta che i bombardamenti sono stati rinnovati e in sei anni, quasi cinquemila persone sono morte nella sola RPD.

4.

Aleksey Nikonorov, rappresentante della RPD nel sottogruppo sicurezza, ha inviato al coordinatore dell’OSCE una versione aggiornata della bozza sull’azione contro le mine. Lo ha affermato la rappresentanza della Repubblica presso il Centro comune per il controllo e il coordinamento del regime di cessate il fuoco a seguito dei colloqui. Durante la videoconferenza, le parti hanno discusso questioni controverse sul progetto di azione contro le mine. L’ostacolo è stato il disaccordo della parte ucraina di includere nel nuovo allegato cinque aree precedentemente proposte dalla RPL.

5.

I lavori per equipaggiare nuovi posti di blocco nel Donbass stanno andando secondo i piani, ha detto ai giornalisti Roman Ivanov, un funzionario dell’ufficio di rappresentanza della Repubblica popolare di Lugansk presso il Centro comune per il controllo e il coordinamento del cessate il fuoco sul luogo di lavoro per l’equipaggiamento del checkpoint di Lugansk-Sciastie. Ha precisato che le munizioni trovate durante la ricognizione ingegneristica sono state distrutte sul posto. «I lavori per l’equipaggiamento dell’infrastruttura dei posti di blocco vengono eseguiti in conformità con il programma stabilito nelle sezioni di Lugansk-Sciastie e Pervomaisk-Zolotoye», ha detto un funzionario dell’ufficio di rappresentanza RPL nel centro comune per il coordinamento di cessate il fuoco.

6.

Due carri armati T-64, che sono stati modernizzati presso il Design Bureau di Morozov a Kharkov, sono stati consegnati a Mariupol per i test in condizioni di combattimento. Questo è stato riportato nel сentro di milizia popolare di RPD. “Attualmente, i veicoli blindati sono nascosti sul territorio dei box industriali vicino alla stazione ferroviaria di“ smistamento Mariupol”. In futuro, l’attrezzatura verrà spostata in scatole di magazzino nella periferia occidentale di Sartana”, si legge nel messaggio. Secondo l’intelligence, i carri armati sono stati trasferiti nel Donbass per testare armi modernizzate e dispositivi di guida in condizioni di combattimento. In precedenza, l’approvazione è stata effettuata presso il campo di addestramento militare di Chuguev nella regione di Kharkov.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 12:00 21 сентября 2020 года Влад Николаев Верховный представитель ЕС по иностранным делам и политике безопасности Жозеп Боррель сообщил, что главы МИД ЕС обсудят в понедельник на встрече в Брюсселе отношения с Белоруссией с позиции непризнания избрания президентом […] Главное на утро 21 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками террористической группировки «Хайат Тахрир аш-Шам» (запрещено в […] L’Ukraine est contre le statut spécial du Donbass Александра Донцова 1. Le vice-Premier ministre ukrainien et chef adjoint de la délégation de Kiev à Minsk Oleksii Reznikov a annoncé l’élaboration d’un ensemble de projets de loi sur la période de transition pour le Donbass. Selon […] Ukraine ist gegen Sonderstatus von Donbass Александра Донцова 1. Der Vizepremier der Ukraine und stellvertretende Leiter der Kiewer Delegation in Minsk, Alexej Resnikow, kündigte die Entwicklung eines Gesetzespakets zur Übergangszeit für Donbass an. Gleichzeitig äußerte Resnikow die […] L’Ucraina è contraria allo status speciale del Donbass Александра Донцова 1. Il vice primo ministro dell’Ucraina e il vice capo della delegazione di Kiev a Minsk, Alexey Reznikov, hanno annunciato lo sviluppo di un pacchetto di progetti di legge sul periodo di transizione per il Donbass. Allo […] Ucrania está en contra del estatuto especial de Donbass Александра Донцова 1. Aleksey Reznikov, el viceprimer ministro de Ucrania, y el subjefe de la delegación de Kiev en Minsk, declaró que Kiev no prescribiría el estatuto especial de Donbass en la constitución y que los acuerdos de Minsk requerían […]
Наверх Наверх