Trump: «Iran ha la fine»

  
0

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha minacciato di reprimere l’Iran se questo paese minaccia Washington e provocare un conflitto. «Se l’Iran vuole combattere, allora è ufficialmente la fine, non minacciare mai più gli Stati Uniti», ha scritto su Twitter. Allo stesso tempo, ha notato che è contro la guerra con l’Iran. «Non voglio combattere, ma nella situazione con l’Iran, semplicemente non dovrebbero permettere loro di avere un’arma nucleare — non dovrebbero permettere che questo accada», ha aggiunto il presidente. Trump ancora una volta ha invitato gli iraniani a sedersi al tavolo dei negoziati, anche se ha riconosciuto che le sanzioni statunitensi contro l’Iran hanno gravi conseguenze per l’economia iraniana.

La società americana Google ha sospeso la fornitura di servizi e supporto tecnico per Huawei cinese, rapporti Interfax, citando il quotidiano Financial Times. Ricordiamo che la scorsa settimana gli Stati Uniti hanno deciso di includere Huawei nell’elenco delle società per le quali le consegne dagli Stati Uniti possono essere effettuate solo sulla base di licenze speciali. Le autorità statunitensi ritengono che l’azienda cinese trasmetterà informazioni agli organi di sicurezza dello stato della RPC. Ora Huawei perderà l’accesso a tecnologie e software di Google se questi non sono in accesso aperto. In particolare, stiamo parlando di aggiornamenti del sistema operativo Android e programmi Google, cioè Huawei non sarà in grado di installare Google Play e Gmail sui suoi dispositivi.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha annunciato che sta per annunciare la «seconda fase più importante della rivoluzione» nel paese. «Attende con impazienza il sostegno nazionale». Pashinyan ha chiesto il 20 maggio di bloccare il lavoro dei tribunali, «in modo che nessuno potesse entrare», riporta RIA Novosti. Pashinyan ha rilasciato questa dichiarazione dopo che la corte ha rilasciato la custodia dell’ex presidente dell’Armenia Robert Kocharian, accusato di rovesciare l’ordine costituzionale. Sabato scorso, Kocharyan è stato rilasciato. Successivamente, i sostenitori di Pashinyan hanno bloccato gli edifici dei tribunali nella capitale dell’Armenia e in altre città.

Vladimir Zelensky durante la riunione solenne tenuta oggi nella Verkhovna Rada dell’Ucraina, ha prestato giuramento di fedeltà al popolo ucraino, ha ricevuto i simboli ufficiali del potere e ha assunto ufficialmente la carica di Presidente dell’Ucraina. Alla riunione cerimoniale, il capo di stato eletto ha prestato giuramento, ha firmato il suo testo e lo ha consegnato al capo della Corte costituzionale, dopo di che ha annunciato l’entrata del neo-eletto Presidente dell’Ucraina nell’ufficio in conformità con la costituzione dello stato. Ha anche presentato a Zelensky i simboli ufficiali del potere del Presidente dell’Ucraina: una mazza, un francobollo ufficiale e un segno sotto forma di catena di ordini.

Vladimir Zelensky, che ha assunto la presidenza dell’Ucraina, ha annunciato lo scioglimento della Rada e lo svolgimento di elezioni parlamentari straordinarie entro due mesi, riferisce TASS. Lo ha dichiarato nel suo primo discorso al popolo ucraino, che ha fatto nella sala della Verkhovna Rada subito dopo aver prestato giuramento. Allo stesso tempo, Vladimir Zelensky ha invitato i deputati, nei due mesi restanti fino alla fine del loro mandato, ad adottare diverse leggi importanti, ad esempio, per privare i parlamentari della loro immunità. Il presidente ha anche chiesto che il Rada di questa convocazione dimettesse il capo del Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) Vasily Gritsak, il procuratore generale Yuriy Lutsenko e il ministro della Difesa Stepan Poltorak. Il capo della SBU Vasily Gritsak e tutti i suoi deputati hanno già presentato rapporti di dimissioni. In precedenza, le dimissioni sono già state presentate dal ministro degli esteri Pavel Klimkin e dal segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa Alexander Turchinov.

Militanti domenica hanno sparato contro la base aerea siriana Hmeimim da più sistemi di lancio di razzi (MLRS), le forze di difesa aerea della base hanno respinto questo attacco, secondo Interfax, citando il ministero della Difesa russo. «Verso le 20:00 di domenica, sei razzi sono stati lanciati dai terroristi nella base aerea russa dalla zona di disallentamento di Idlib.Tutte le granate sono state distrutte dalle forze di difesa aerea di turno presso la base aerea», ha detto il ministero. «Per ricognizione russa significa che questa installazione dell’MLRS dei terroristi è stata prontamente identificata nella periferia occidentale dell’insediamento di Kafer-Nobl della provincia di Idlib, il sito terroristico specificato è stato distrutto con un colpo punteggiato alle forze russe aerme», ha aggiunto il ministero.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостиполитика
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Украина итоги 28 мая 2020 года Влад Николаев   Онищенко выгоняют из Германии   Германия отказала в предоставлении политического убежища беглому украинскому предпринимателю и депутату Верховной Рады Александру Онищенко. «После решения Высшего земельного суда […] Глава Молдавии не видит быстрого членства своей страны в ЕС Мария Коледа   Молдавский президент Игорь Додон оценил перспективы страны встроиться в определённые межгосударственные и наднациональные структуры в ближайшие годы. Касается его прогноз и западного, и восточного направления. Своё […] В ООН озаботились языковой дискриминацией на Украине Влад Николаев Организация объединённых наций озабочена дискриминационной языковой политикой, которую проводит официальный Киев. Об этом говорится в отчёте Управления верховного комиссара ООН по правам человека. В организации указывают, что […] МИД Украины грозится «ликвидировать» администрации ДНР и ЛНР Мария Коледа   Украинские власти решили напомнить о своей решительной готовности к мирному решению конфликта с Донбассом. В лице своего министра иностранных дел Дмитрия Кулебы режим Зеленского заявил о намерении уничтожить […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […] Siria. El ataque contra los militares de los EE.UU. Александра Донцова 1.Siria. La agencia siria SANA informó que America había enviado los equipos militares adicionales al noreste de la provincia de Al-Hasaka para fortalecer las bases americanas. Se informa que un convoy con los vehículos […]
Наверх Наверх