Washington accusa l’Iran di attaccare le petroliere

  
0

1. Gli Stati Uniti-Iran Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato che Washington considera l’Iran responsabile degli attacchi a due petroliere nel Golfo di Oman. «Il governo degli Stati Uniti ritiene che la Repubblica islamica dell’Iran sia responsabile degli attuali attacchi nel Golfo di Oman», riferisce Pompeo. Secondo lui, in questo modo l’Iran sta cercando di realizzare la sua minaccia di interrompere il trasporto di petrolio attraverso lo Stretto di Hormuz. Il segretario di Stato ha detto che gli Stati Uniti continueranno a esercitare pressioni economiche e politiche sull’Iran, ma è anche pronto a usare la forza per proteggerlo. Più tardi, il Comando Centrale degli Stati Uniti ha riferito che, in connessione con l’attacco alle petroliere, un «cacciatorpediniere» di un massone è stato inviato nel Golfo di Oman. Teheran, a sua volta, respinge le accuse USA di coinvolgimento nell’incidente. «Rifiutiamo con forza qualsiasi accusa dell’Iran. Certamente, coloro che accusano l’Iran svolgono un ruolo importante nella creazione di questi incidenti, e possono essere gli stessi Stati Uniti «, ha dichiarato il rappresentante permanente dell’Iran presso l’ONU, Eshag al-Habib.

2. Polonia

Il tribunale distrettuale di Varsavia ha condannato l’ex capo dell’ufficio del primo ministro polacco Tomash Arab per negligenza criminale, che ha portato al crollo dell’aereo di linea il 10 aprile 2010, a bordo del quale era presente il presidente Lech Kaczynski e una delegazione rappresentante della leadership polacca, vicino a Smolensk, Interfax riferisce con riferimento alla radio polacca. Secondo il verdetto del tribunale, l’arabo non ha intrapreso le azioni necessarie per impedire che il volo si svolgesse, sapendo che non c’era nessun aeroporto a Smolensk, sul quale sarebbe stato possibile atterrare un trasporto aereo speciale. Oltre a Tomash Arabsky, la corte ha condannato altri quattro imputati — due ex dipendenti dell’ufficio del Primo Ministro, nonché due ex dipendenti dell’Ambasciata polacca a Mosca.

3. Ucraina

Il Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina fornirà un contributo volontario del paese al Fondo dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) come osservatore permanente, che contribuirà allo sviluppo della cooperazione con gli Stati delle Americhe, riferisce Interfax. Secondo l’ordine del Gabinetto dei Ministri del 12 giugno 2019, l’Ucraina contribuirà con $ 40.000 all’OAS a spese del programma di bilancio «Contributi dell’Ucraina ai bilanci delle Nazioni Unite, organismi e agenzie specializzate del sistema delle Nazioni Unite, altre organizzazioni internazionali e organismi di convenzione». Si sottolinea che il contributo contribuirà all’approfondimento del dialogo politico di Kiev con l’OAS in materia di sicurezza regionale e globale, lotta al terrorismo e traffico di droga, attività per i diritti umani, nonché allo sviluppo degli scambi e della cooperazione economica.

4. Israele

Nella notte di venerdì, l’aviazione israeliana ha di nuovo attaccato la Striscia di Gaza in risposta ai missili lanciati dall’enclave. «Stasera, aerei militari e aerei delle Forze di Difesa Israeliane hanno attaccato diversi obiettivi terroristici, tra cui le infrastrutture terroristiche presso le basi militari e la base navale di Hamas.L’attacco è stato in risposta a un attacco missilistico lanciato dalla Striscia di Gaza nelle prime ore della sera.» — Interfax riporta una dichiarazione del servizio stampa israeliano. Questi attacchi sono stati colpiti diverse ore dopo che i razzi lanciati dal territorio dell’enclave hanno danneggiato la costruzione di una sinagoga e una scuola religiosa nella città meridionale di Sderot, in Israele. Durante questi attacchi missilistici, nessuno è rimasto ferito.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Il cacciatorpediniere statunitense ha violato il confine russo Александра Донцова 1. Il ministero della Difesa russo ha riferito che la grande nave antisommergibile «Admiral Vinogradov» ha interrotto la violazione del confine di stato della Federazione Russa da parte del cacciatorpediniere della […] Un destructor americano violó la frontera rusa Александра Донцова 1. El Ministerio de Defensa ruso informó que el gran buque antisubmarino «Admiral Vinogradov» había detenido la violación de la frontera estatal de la Federación de Rusia realizada por parte del destructor de la […] A US destroyer violated the Russian border Александра Донцова 1 The Russian Defense Ministry reported that a Russian Anti-Submarine Warfare cruiser «Admiral Vinogradov» stopped the violation of the Russian border by the US Navy destroyer «John McCain» in Peter the […] Главное на вечер 25 ноября 2020 года Влад Николаев ВВС Израиля нанесли авиаудар со стороны Голанских высот по югу провинции Дамаск. Об этом сообщило сирийское агентство SANA. Сообщается, что удар был нанесен во вторник в 23.50 по местному времени со стороны оккупированных […] Новости на 16:00 25 ноября 2020 года Влад Николаев Президент Турции Тайип Эрдоган заявил, что во время телефонных переговоров во вторник с президентом России Владимиром Путиным обсудил возможность расширения усилий по поддержанию режима прекращения огня в Нагорном Карабахе […] Новости на 12:00 25 ноября 2020 года Влад Николаев  Премьер-министр Армении Никол Пашинян заявил, что позиция Еревана по вопросу о статусе Нагорного Карабаха остаётся неизменной. Об этом премьер-министр заявил в интервью агентству ТАСС. Пашинян выразил надежду на скорое […]
Наверх Наверх