L’esercito americano custodirà i giacimenti petroliferi in Siria

  
0

1. USA-Siria

La Casa Bianca intende inviare 500 truppe statunitensi per proteggere i giacimenti petroliferi nel nord-est della Siria, controllati dalle forze democratiche siriane, riferisce Interfax citando il Wall Street Journal. Un alto funzionario del Pentagono ha detto a Newsweek in precedenza che gli Stati Uniti prevedono di spedire fino a 30 carri armati Abrams nel nord-est della Siria. Secondo Fox News, le attrezzature pesanti statunitensi possono essere concentrate nella provincia di Deir ez-Zor vicino all’impianto di lavorazione del gas Conoco. Come affermato al Pentagono, gli Stati Uniti stanno «rafforzando la propria posizione» per impedire «il ritorno dei depositi nelle mani dell’ISIS (un’organizzazione terroristica vietata nella Federazione Russa)» e altre «entità destabilizzanti», in quanto sono «la fonte più importante di entrate terroristiche».

2. Siria

Nel nord-est della Siria vicino alla città di Tal Tamr c’è stato uno scontro di truppe turche e forze governative della Repubblica araba siriana, secondo quanto riferito dall’Associated Press. Secondo l’agenzia, le unità siriane hanno resistito, provocando la morte di diversi soldati siriani. Si noti che anche le truppe turche hanno combattuto con le forze curde. Mazlum Kobani Abdi, comandante delle forze democratiche siriane dell’alleanza curdo-araba, ha detto giovedì che la Turchia e i suoi alleati stavano continuando le operazioni militari nell’area di Ras al-Ain, nonostante l’annuncio della fine delle operazioni militari in quel paese. Ricordiamo che i presidenti di Russia e Turchia Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan hanno concordato di risolvere la situazione nel nord della Siria senza spargimenti di sangue. A seguito dei colloqui, l’operazione delle truppe turche nel territorio della Repubblica araba è stata sospesa.

3. Russia-Siria

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito del trasferimento in Siria dalla Cecenia di un’unità di polizia militare di 300 persone. Secondo l’agenzia, hanno volato dall’aerodromo nell’Ossezia del Nord e aiuteranno a ritirare le truppe curde dal confine con la Turchia, oltre a impegnarsi a garantire la sicurezza pubblica e il mantenimento della legge e dell’ordine. Ricordiamo, secondo gli accordi dei presidenti russi Vladimir Putin e della Turchia Recep Erdogan, da giovedì a mezzogiorno al confine siriano con la Turchia al di fuori della zona di operazione «Fonte di pace», la polizia militare russa e il servizio di frontiera siriano sono stati introdotti. Dopo il ritiro delle formazioni curde, il pattugliamento congiunto di questo territorio da parte dell’esercito russo e turco inizierà entro dieci chilometri dal confine turco-siriano, ad eccezione della città di Kamyshly.

4. Iraq

Due persone sono morte durante le nuove proteste a Baghdad, secondo quanto riferito da TASS citando Sky News Arabia. Secondo il canale, diverse migliaia di manifestanti si sono radunati venerdì mattina in piazza Tahrir, nel centro della capitale irachena. Quindi la folla si è trasferita sul ponte Al-Jumkhuriya, conducendo alla «zona verde» — un’area accuratamente custodita dove si trovano ambasciate straniere e agenzie governative. I manifestanti hanno cercato di sfondare i cordoni delle forze di sicurezza, ma sono stati fermati da loro e respinti in piazza. Le forze dell’ordine usano attivamente i gas lacrimogeni. Le scaramucce hanno colpito circa 90 persone. Allo stesso tempo, secondo il Ministero degli Affari Interni, 60 forze di sicurezza sono rimaste ferite durante le rivolte.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […] Damascus intends to regain the sovereignty over the territories Александра Донцова 1 Kazakhstan The final statement on the international meeting on Syria in the city of Nur Sultan states the following: The guarantor countries of the Astana process — Russia, Turkey and Iran — rejected the […] Sommet dans le format Normandie Александра Донцова 1 Suisse Le comité exécutif de l’Agence mondiale antidopage a unanimement adopté la recommendation du comité de l’organisation de priver l’Agence russe antidopage du statut de conformité au Code mondiale antidopage. Notre […] Gipfel des Normandie-Quartetts Александра Донцова 1. Schweiz Das Exekutivkomitee der Welt-Anti-Doping-Agentur (WADA) nahm einstimmig die Empfehlung des Organisationskomitees an, der russischen Anti-Doping-Agentur (RUSADA) die Einhaltung des Welt-Anti-Doping-Kodex zu […] Vertice dei Quattro Normanni Александра Донцова 1.Svizzera Il Comitato esecutivo dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha adottato all’unanimità la raccomandazione del comitato dell’organizzazione di privare l’Agenzia russa antidoping (RUSADA) del […] La cumbre del “cuarteto de Normandia” Александра Донцова 1.Suiza El Comité Ejecutivo de la Agencia Mundial Antidopaje (WADA) aceptó por unanimidad la recomendación del comité de la organización en virtud de la cual la Agencia Antidopaje Rusa (RUSADA) no cumplía las normas del […]
Наверх Наверх