Legalità della dichiarazione sul Karabakh

  
0

1. Armenia

Durante l’incontro, il parlamento armeno ha rifiutato di inserire nell’agenda la questione della legalità e del rispetto delle leggi dell’Armenia della dichiarazione trilaterale dei leader di Russia, Armenia e Azerbaigian del 9 novembre sul Nagorno-Karabakh. Lo ha riferito l’agenzia TASS. Come ha affermato il presidente del parlamento Ararat Mirzoyan, «40 deputati hanno votato per l’inclusione della questione all’ordine del giorno, 73 deputati erano contrari». La questione dell’inclusione di questo argomento nell’agenda è stata avviata dalla fazione di opposizione «Armenia illuminata». Il partito al potere Il mio pssso, che attualmente controlla 84 seggi su 132 nella legislatura, si è opposto e insiste sul fatto che il parlamento non ha il diritto di discutere la questione.

2. Nagorno-Karabakh

Il ministero della Difesa russo ha riferito che le forze di pace russe hanno accompagnato un altro convoglio di rifugiati tornati in Nagorno-Karabakh dall’Armenia. In totale, quasi 50.000 rifugiati sono tornati alle loro case. È stato riferito che 189 rifugiati sono stati consegnati da autobus da Yerevan a Stepanakert al giorno.

«In totale, 49.827 rifugiati sono già tornati in Nagorno-Karabakh», dice il messaggio.

3. Azerbaigian

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan durante una conversazione telefonica hanno discusso del futuro lavoro del centro di monitoraggio russo-turco in Nagorno-Karabakh. Lo ha riferito sabato il servizio stampa del presidente dell’Azerbaigian. «I capi di stato hanno discusso dell’imminente inizio dei lavori del centro di monitoraggio congiunto russo-turco ad Aghdam, sottolineando che le attività del centro serviranno a garantire la pace a lungo termine», si legge nel messaggio. In precedenza, il 15 gennaio, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che 60 militari russi e turchi avrebbero prestato servizio nel centro di monitoraggio.

4. Cina — Russia

Il ritiro della Russia dal Trattato sui Cieli Aperti era inevitabile a causa della riluttanza a cooperare da parte degli Stati Uniti. Lo ha affermato in un briefing il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri della RPC Hua Chunying. «Il motivo diretto per cui Mosca ha avviato la procedura di ritiro dal Don è stato il ritiro unilaterale degli Stati Uniti da esso, nonostante la posizione internazionale. Ciò ha seriamente minato la fiducia bilaterale tra le forze armate dei due Paesi e la trasparenza tra le parti interessate», ha detto il diplomatico. Ha anche sottolineato che «la Russia ha cercato di preservare il trattato, ma non ha ricevuto alcuna reazione positiva dagli Stati Uniti e dagli altri partecipanti». Il ministero degli Esteri russo ha annunciato venerdì che la Russia si ritira dal Trattato sui cieli aperti.

5. Russia

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che le azioni degli Stati Uniti e dei loro alleati, volte a minare l’architettura della sicurezza internazionale, destano profonda preoccupazione alla Federazione Russa. Lo ha detto Lavrov in una conferenza stampa sui risultati delle attività della diplomazia russa nel 2020.

Il ministro ha sottolineato che il 2020 ha segnato il 75 ° anniversario dell’ONU e il 75 ° anniversario della fine della seconda guerra mondiale. “Sullo sfondo di questi anniversari, ovviamente, siamo profondamente preoccupati per le continue azioni molto sfacciate degli Stati Uniti e della maggior parte dei loro alleati occidentali, che mirano a minare l’architettura della vita internazionale, basata sull’ONU, sul suo statuto, sulle strutture dell’organizzazione e generalmente consegnano all’oblio le forme classiche e le norme del diritto internazionale per il bene del cosiddetto ordine mondiale basato sulle regole», ha detto Lavrov. Ha notato che nel quadro di questa linea, al di fuori dell’ONU, vengono creati «meccanismi esclusivi, gruppi di cosiddette persone che la pensano allo stesso modo», le cui soluzioni stanno cercando di imporre a tutti i partecipanti alle relazioni internazionali. «E una delle manifestazioni di questo tipo di regole, su cui l’Occidente vorrebbe costruire un nuovo ordine mondiale, è il concetto di multilateralismo, che i nostri colleghi tedeschi e francesi hanno iniziato a promuovere negli ultimi due anni. Quelle descrizioni di questo concetto che sono contenute nei discorsi pubblici dei capi delle agenzie tedesche per gli affari esteri e Francia, dicono apertamente che c’è un tentativo di presentare l’Unione Europea e tutto ciò che fa in termini di regolamentazione, in realtà, un ideale di politica estera «, ha sottolineato Lavrov.

6. Afghanistan

L’agenzia afghana Khaama Press ha riferito che l’ambasciata americana a Kabul ha avvertito della probabilità di un aumento del numero di attacchi terroristici e ha invitato i cittadini americani in Afghanistan a lasciare immediatamente il Paese. Va notato che attacchi terroristici, rapimenti e altri reati gravi sono diventati più frequenti in tutto l’Afghanistan nelle ultime settimane. «Alberghi, complessi residenziali, organizzazioni internazionali, ambasciate e altri luoghi frequentemente visitati da stranieri, inclusi gli americani, sono particolarmente minacciati», ha detto la missione diplomatica in un comunicato stampa. Venerdì il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato che il contingente militare statunitense in Afghanistan sarebbe stato ridotto a 2.500 ed entro maggio di quest’anno Washington prevede di ritirare i restanti militari.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Missile strike on Syria Александра Донцова The USA launched airstrikes against a facility in the eastern Syria. The Pentagon stated that the airstrikes were carried out on the pro-Iranian groups, by an order of the US President Joe Biden. John Kirby, the Pentagon’s […] Raketenangriff auf Syrien Александра Донцова Die Vereinigten Staaten starteten Luftangriffe gegen eine Einrichtung in Ostsyrien. Nach Angaben des Pentagon wurden die Luftangriffe auf die Ziele pro-iranischer Gruppen von Präsident Joe Biden angeordnet. In einer Erklärung […] La Syrie cible de frappe de missile Александра Донцова Les États-Unis ont effectué des frappes aériennes contre une installation dans l’est de la Syrie. Selon le Pentagone, les frappes ont été portées contre des cibles de groupes pro-iraniens sous la direction du Président Joe […] Итоги недели 27 февраля 2021 года Влад Николаев США нанесли авиаудары по объекту на востоке Сирии. Как заявили в Пентагоне, авиаудары были нанесены по объектам проиранских групп по указанию президента Джо Байдена. В заявлении помощника главы Пентагона по связям с […] Обстановка на линии фронта: версии сторон Александра Донцова   Украинские войска  в минувшие сутки девять раз открывали огонь по направлению населенных пунктов ДНР. Об этом сегодня сообщило представительство Республики в Совместном центре контроля и координации режима прекращения […] Главное на вечер 26 февраля 2021 года Влад Николаев США нанесли авиаудары по объекту на востоке Сирии. Как заявили в Пентагоне, авиаудары были нанесены по объектам проиранских групп по указанию президента Джо Байдена. В заявлении помощника главы Пентагона по связям с […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: