Aggravamento della situazione al confine tra Tagikistan e Kirghizistan

  
0

1. USA

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che gli attacchi agli impianti petroliferi in Arabia Saudita sembrano indicare l’Iran, ma un’indagine è ancora in corso. Secondo lui, gli Stati Uniti non vogliono entrare in guerra con l’Iran, ma le ostilità da parte degli Stati Uniti sarebbero una risposta proporzionale al colpo alle raffinerie saudite. Inoltre, il leader americano ha sottolineato che gli Stati Uniti sono più di qualsiasi altro paese nella storia dell’umanità, pronti per un possibile conflitto. Trump ha aggiunto che Washington intende discutere della situazione con i paesi della regione. Allo stesso tempo, è d’accordo con il segretario di Stato americano Michael Pompeo, che ha accusato Teheran di aver aggredito la raffineria saudita. In precedenza, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper ha affermato che Washington e i suoi partner stanno lavorando su opzioni per rispondere a un «attacco senza precedenti», con l’obiettivo di proteggere un «ordine basato sulle regole» minato dall’Iran.

2. Russia — Turchia — Iran

Russia, Turchia e Iran hanno concordato di adottare misure concrete per proteggere i civili e il personale militare dei paesi garanti nella regione della zona di de-escalation di Idlib in Siria. Lo afferma una dichiarazione congiunta a seguito dei risultati del vertice di Ankara sull’insediamento del conflitto siriano. I leader dei tre paesi hanno espresso seria preoccupazione per la crescente presenza dell’organizzazione terroristica Kheyat Tahrir al-Sham (bandita nella Federazione Russa) nella zona di de-escalation e hanno ribadito la loro determinazione a continuare la cooperazione nell’interesse dell’eliminazione finale dei gruppi terroristici ISIS, Jabhat al-Nusra (vietato in Russia) e tutti gli altri associati ad Al-Qaida (illecito nella Federazione Russa). In una dichiarazione congiunta, i leader dei tre paesi hanno anche affermato che la Russia, la Turchia e l’Iran sono impegnati nella «sovranità, indipendenza, unità e integrità territoriale» della Siria e hanno chiamato «attacchi militari israeliani in Siria che violano la sovranità e l’integrità territoriale» della SAR.

3. Tagikistan — Kirghizistan

Il ministero degli Esteri del Kirghizistan ha consegnato una nota di protesta all’ambasciatore del Tagikistan nella repubblica a causa dell’aggravarsi della situazione al confine, riferisce il servizio stampa del ministero degli Esteri. Il documento ha protestato con forza «le azioni illegali delle truppe di frontiera del Comitato di Stato per la sicurezza nazionale del Tagikistan, il primo a sparare ai posti di frontiera» Maksat «e» Sai «del Kirghizistan». A seguito del bombardamento, un soldato è morto e altri sette soldati del servizio di frontiera dello stato sono rimasti feriti. «Questo incidente è stato il risultato della costruzione da parte dei tagiki di un posto di osservazione militare su una sezione indescrivibile del confine di stato del Kirghizistan-Tagikistan, che è stata lanciata senza coordinamento con la parte kirghisa e l’intera responsabilità del tagikistan per esacerbare la situazione nelle regioni frontaliere», ha affermato il ministero degli Esteri.

4. Israele

Il secondo turno delle elezioni parlamentari è iniziato in Israele, che determinerà la composizione della Knesset della 22a convocazione, formerà una coalizione di governo e nominerà un primo ministro. Come previsto, oltre 6 milioni di persone saranno in grado di prendere parte alle elezioni. Le elezioni sono state riprogrammate a causa del fatto che il primo ministro Benjamin Netanyahu dopo le elezioni del 9 aprile non è stato in grado di concordare una coalizione di 42 giorni per controllare i 61 seggi minimi necessari nella Knesset. Di conseguenza, il capo del governo ha avviato una legge sullo scioglimento del più alto organo legislativo esattamente un mese dopo il giuramento dei deputati. Fu allora che una ripetuta elezione era prevista per il 17 settembre. 

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Le truppe siriane hanno raggiunto il confine con la Turchia Александра Донцова 1. Russia-ONU Andrei Belousov, rappresentante permanente aggiunto della Federazione Russa presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, ha affermato che la Russia, in consultazione con altri paesi, si è preparata a […] Riassunto delle notizie, il 16 ottobre 2019 Александра Донцова 1. Siria Un aereo militare non identificato ha attaccato e distrutto completamente una colonna di equipaggiamento militare delle forze governative siriane nella periferia di Manbij, nel nord del paese, riferisce Bloomberg. […] Turquía continuará la operación en Siria Александра Донцова 1.Siria La agencia Bloomberg informa que los aviones militares desconocidos atacaron y destruyeron un convoy del equipo militar de las fuerzas gubernamentales de Siria en la periferia de Manbij en el norte del país. El martes […] The Kurdish troops counter-attacked the Turkish forces Александра Донцова 1. the USA The US authorities introduced restrictive measures against the ministries of defense and energy of Turkey — the US Ministry of Finances reports. The US Ministry stated that the Turkish Minister of Defense […] Los kurdos contraatacaron a las fuerzas turcas Александра Донцова 1.EE.UU. En relación con la operación militar realizada por Ankara contra los kurdos en el noreste de Siria las autoridades de los EE.UU. introdujeron las medidas restrictivas contra el Ministerio de Defensa, el Ministerio de […] Le truppe curde contrattaccano le forze turche Александра Донцова 1. USA Le autorità statunitensi hanno introdotto misure restrittive contro i ministeri della difesa e dell’energia della Turchia, secondo il Ministero del Tesoro statunitense. Inoltre, la sua dichiarazione afferma che […] Turquía no excluye la posibilidad de enfrentarse al ejército de Siria Александра Донцова 1.Turquía y Siria Las Noticias de RIA con referencia a Yasin Aktay, el Consejero del presidente turco, informan que Turquía está dispuesta a hacer frente a las fuerzas armadas de Siria en caso del enfrentamiento entre 2 […] La Turchia non esclude gli scontri con l’esercito siriano Александра Донцова 1. Turchia-Siria L’esercito turco respingerà le forze armate siriane in caso di scontro al confine tra i due paesi, ha affermato il consigliere del presidente turco Yasin Aktay. Secondo il consigliere Erdogan, […] Kiev interrompe il ritiro delle armi nel Donbass Александра Донцова 1. 10 ottobre, le forze di sicurezza di Kiev per la seconda volta hanno contrastato il ritiro di forze e beni nell’area numero 2 a Zolotoe nel Donbass. È stato raggiunto un accordo sul ritiro delle forze durante una […]
ANNA-NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх