Home / NEWS  / in Italian  / Gli Stati Uniti ostacolano la Russia nel lavoro delle Nazioni Unite

Gli Stati Uniti ostacolano la Russia nel lavoro delle Nazioni Unite

USA-Russia

Il ministero degli Esteri russo ha accusato gli Stati Uniti di cercare di ostacolare la partecipazione della Russia ai lavori delle Nazioni Unite. Questa affermazione è stata fatta dopo che Washington non ha rilasciato un visto d’ingresso all’esperto chimico russo Dmitry Poklonsky, che avrebbe dovuto prendere parte a una relazione sulla relazione della missione per stabilire il fatto dell’uso di armi chimiche nella città siriana di Duma nell’aprile 2018. Ricordiamo che l’incidente, in violazione della Carta delle Nazioni Unite, ha comportato un attacco missilistico da parte della coalizione occidentale sul territorio siriano. Il ministero degli Esteri ha sottolineato che gli Stati Uniti stanno cercando di impedire la diffusione di informazioni obiettive sull’incidente nella città siriana di Duma, oltre ad adempiere ingiustamente i suoi obblighi come sede per il quartier generale delle Nazioni Unite a New York e persino utilizzare questa situazione per i propri scopi egoistici di politica estera.

2. Libia

L’esercito nazionale libico sotto il comando del feldmaresciallo Khalifa Haftar ha intensificato gli attacchi aerei alla periferia di Tripoli negli ultimi due giorni, secondo l’Associated Press, citando funzionari libici. Secondo l’agenzia, le forze dell’esercito nazionale libico hanno anche attaccato le forze paramilitari dei Navazi a sostegno del governo dell’Accordo nazionale Faiz Saraj, a sette chilometri da Tripoli. Ricordiamo, il 4 aprile, il comandante dell’esercito nazionale libico, Marshal Haftar, ha annunciato il lancio di un’offensiva su Tripoli. Questa settimana, l’esercito nazionale libico ha lanciato la seconda fase dell’offensiva nel sud di Tripoli. Combattimenti attualmente in corso alla periferia della capitale libica.

3. Polonia-USA

Il ministro della Difesa nazionale polacco Mariusz Blaszczak ha annunciato che il governo ha deciso di aumentare il numero di truppe statunitensi nel paese. «Possiamo dire in questo modo: è stata presa la decisione sul rafforzamento quantitativo delle truppe americane in Polonia», riferisce RIA Novosti. Ha notato che sono in corso trattative sui dettagli dell’accordo. Blashchak ha espresso la speranza che i negoziati termineranno quest’anno. Ora in Polonia sono presenti circa 4,5 mila soldati dell’esercito americano. Ecco la brigata corazzata americana e il gruppo di battaglione multinazionale. Il portavoce del Pentagono, Eric Paehon, ha in seguito confutato la dichiarazione del ministro polacco, affermando che Washington e Varsavia stanno ancora discutendo di questo problema e che l’accordo finale non è ancora stato raggiunto.

4. Giappone

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha annunciato ufficialmente l’abdicazione dell’imperatore Akihito dal trono dopo 30 anni di regno, riporta l’EFE. Il primo ministro ha anche ringraziato l’imperatore e l’imperatrice Michiko a nome del popolo giapponese. «Sua Maestà, in conformità con le disposizioni di una legge speciale, sta ora abdicando ai suoi poteri», dice il messaggio di Abe. In Giappone, quindi, l’era dell’Heisei termina — «Stabilimento di pace», che ebbe inizio l’8 gennaio 1989, con l’ascesa al trono di Akihito. Heysei sarà sostituito il 1 ° maggio, insieme al nuovo imperatore Naruhito, il figlio maggiore dell’imperatore pentito, l’era di «Rave» — ​​»Bella armonia» arriverà. Nell’agosto 2016, Akihito si è rivolto al popolo, affermando che intendeva lasciare il trono.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)