Home / NEWS  / in Italian  / Israele ha attaccato striscia di Gaza

Israele ha attaccato striscia di Gaza

Nella notte di venerdì, l’esercito israeliano ha attaccato circa un centinaio di obiettivi nella Striscia di Gaza in risposta a un razzo di Tel Aviv sparato dalla Palestina, ha detto il portavoce dell’esercito Avihi Edri. «In risposta all’attacco missilistico contro Israele, circa 100 obiettivi terroristici sono stati colpiti in tutta la Striscia di Gaza», riferisce RIA Novosti. Israele ha accusato i bombardamenti della sentenza di Hamas nell’enclave. Giovedì sera, due razzi della Striscia di Gaza sono stati lanciati a Tel Aviv, dopo di che le sirene antiaeree hanno colpito la città. È stato inoltre riferito che altri cinque missili sono stati sparati da palestinesi nel sud di Israele.

2. DPRK-USA

La leadership nordcoreana sta prendendo in considerazione la decisione di sospendere ulteriori negoziati con gli Stati Uniti sul disarmo nucleare, ha dichiarato il vice ministro degli affari esteri della Repubblica popolare Choi Son-Hee. «Non abbiamo intenzione di fare concessioni alle richieste degli Stati Uniti in nessuna forma, né tanto meno il desiderio di condurre tali negoziati», lei cita TASS. Il rappresentante del ministero degli esteri della Corea del Nord ha sottolineato che nel prossimo futuro, Kim Jong-un intende fare un appello formale per annunciare la sua decisione sulle azioni future della Corea del Nord dopo il vertice chiuso senza successo ad Hanoi. Ricordiamo che durante il summit di Hanoi, Kim Jong-un ha offerto a Donald Trump di smantellare il centro nucleare di Yongbyon in cambio di una parziale revoca delle sanzioni internazionali. La parte americana, tuttavia, considerava insufficienti le concessioni della RDPC, pertanto il summit si concluse prima del previsto e senza accordi.

3. Confine russo

L’Alleanza del Nord Atlantico sta schierando truppe verso il confine russo, ha detto il vice segretario del Consiglio di sicurezza russo Mikhail Popov. Secondo lui, in due anni, il numero delle forze di reazione rapida della NATO è aumentato di oltre 1,5 volte — da 25 a 40mila persone. Ha dichiarato che i pericoli militari provenienti dagli Stati Uniti e dalla NATO stanno già formando minacce militari per la Russia. Popov ha anche ricordato che gruppi tattici rinforzati di battaglioni di una forza multinazionale composta da un massimo di 1.000 soldati ciascuno erano schierati nei paesi baltici. Inoltre, il blocco rianima il sistema di trasferimento transatlantico di truppe che esisteva durante gli anni della Guerra Fredda dagli Stati Uniti e dal Canada verso l’Europa per lo schieramento di grandi gruppi di truppe di coalizione al confine con la Russia. In precedenza, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha esortato a non considerare l’espansione dell’Alleanza del Nord Atlantico a est come una provocazione contro la Russia.

4. Gli Stati

Uniti Gli Stati Uniti hanno iniziato a produrre componenti per testare missili non nucleari a terra proibiti dal Trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a raggio più corto (INF), riferisce TASS con riferimento al comunicato del portavoce del Dipartimento della Difesa americano, il tenente colonnello Michel Baldanza. «Usando i fondi stanziati dal Congresso nell’anno fiscale 2019, gli Stati Uniti hanno iniziato a fabbricare componenti per sostenere i test nella fase di sviluppo di missili non nucleari a terra», ha detto. Tuttavia, il rappresentante del ministero della Difesa ha rifiutato di indicare le date specifiche dei test.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)