Home / NEWS  / Kiev vuole fare le sanzioni contro la Russia || Riassunto delle notizie, il 1 dicembre 2018

Kiev vuole fare le sanzioni contro la Russia || Riassunto delle notizie, il 1 dicembre 2018

 

Gli Stati Uniti sono stati ingannati da molti paesi, ha affermato il capo dello stato americano, Donald Trump. Secondo lui, in particolare, stiamo parlando della Cina. Trump ha ammesso di vedere «in quasi tutto» una minaccia per l’economia globale. «Ci sono molte minacce», cita TASS con riferimento a Voce di America. In precedenza, gli Stati Uniti hanno annunciato il fallimento dei negoziati con la Cina sul commercio. Il rappresentante degli Stati Uniti ai negoziati commerciali, Robert Lightheiser, ha affermato che la Cina non ha presentato proposte di «seria riforma» nell’ambito delle relazioni commerciali con gli Stati Uniti, in particolare sulla questione dei dazi sulle auto americane. Secondo Laytheiser, la Cina non si è «seduta al tavolo dei negoziati con proposte di riforma seria». Ha anche espresso il parere che «la politica industriale statale aggressiva della Cina mira a causare gravi danni ai lavoratori e ai fabbricanti statunitensi».

Kiev sta prendendo in considerazione varie opzioni per l’introduzione di nuove sanzioni contro la Russia, in connessione con gli eventi nello Stretto di Kerch, incluso il divieto alle navi russe dell’Azov e del Mar Nero di chiamare alcuni porti, ha detto il ministro degli Esteri ucraino Pavel Klimkin. «Una delle idee di cui stiamo parlando non è quella di lanciare navi russe dall’Azov o dal Mar Nero in alcuni porti, o di non lasciare andare tutti, e limitare tutti i possibili contatti possibili in linea di principio», ha detto al canale ucraino Inter TV. In precedenza, il capo dell’amministrazione SBU, Igor Guskov, ha detto che l’Ucraina si stava preparando per «azioni speculari» contro la Russia, che aveva fermato le navi ucraine nello Stretto di Kerch per aver violato il confine russo.

L’ufficio del procuratore di Salisburgo ha riferito che un colonnello austriaco in pensione che presumibilmente spionava per Mosca è stato preso in custodia. L’uomo è stato arrestato il 30 novembre. È stato arrestato al momento dell’indagine, riferisce Interfax, citando l’Associated Press. Ricordiamo, il 13 novembre, il corte di Salisburgo ha rifiutato di detenere un uomo di 70 anni sospettato di attività di ricognizione ventennale a favore della Russia.

l ministro britannico Sam Jim, che supervisiona le questioni relative all’istruzione superiore e alle scienze nel Regno Unito, si è dimesso perché non era d’accordo con i termini dell’accordo raggiunto dalla Brexit con l’Unione europea, riferisce TASS. Questo è diventato noto il venerdì da una dichiarazione distribuita sulla sua pagina Facebook in cui ha spiegato i motivi per cui ha lasciato il suo post. Jim è diventato il settimo membro del Gabinetto britannico dopo che il primo ministro Theresa May ha presentato un progetto di accordo Brexit.

Immediatamente, i due partiti di opposizione del Venezuela — «La giustizia è soprattutto» e «Volontà di popolo» — hanno chiesto alla Banca d’Inghilterra di non restituire l’oro venezuelano al paese, dal momento che queste risorse, secondo loro, possono essere utilizzate per rafforzare la repressione nei confronti di coloro che non sono d’accordo con la politica del presidente Nicolas Maduro, riferisce RIA «Novosti». Le parti hanno inviato una lettera separata a Londra, dove hanno spiegato i motivi del loro appello. «Senza dubbio, l’intenzione di Maduro e del suo regime è di rubare queste risorse, che appartengono al popolo, e usarle per il loro guadagno personale o per finanziare una repressione ancora maggiore», dice la lettera firmata dai politici Julio Borges e Carlos Vecchio. Si tratta di circa 14 tonnellate d’oro per un ammontare di 550 milioni di dollari nei caveau della Bank of England.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)