Home / NEWS  / in Italian  / L’Iran riprenderà il programma nucleare

L’Iran riprenderà il programma nucleare

Dal 15 maggio, l’Iran sospende ufficialmente l’adempimento di una parte dei suoi obblighi nell’ambito del piano d’azione globale congiunto (JAP). Questo è affermato in una dichiarazione del rappresentante dell’Agenzia per l’energia atomica del paese, riferisce TASS. Secondo lui, questa decisione è stata presa dal Supreme National Security Council of Iran. Ha anche indicato che Teheran, come aveva avvertito in precedenza, potrebbe riprendere il lavoro di arricchimento dell’uranio e interrompere l’aggiornamento del reattore ad acqua pesante ad Arak se le parti della transazione non adempiranno i requisiti dell’accordo entro 60 giorni.

Il Consiglio militare del Sudan e rappresentanti dell’Alleanza per la libertà e il cambiamento hanno concordato di stabilire un periodo transitorio di tre anni nel paese, riferisce TASS con riferimento al canale televisivo Al Arabiya. Le autorità militari del paese hanno anche riferito che è stato raggiunto un accordo con l’opposizione per formare un consiglio legislativo di 300 persone. Secondo la dichiarazione, i militari «concluderanno accordi con l’alleanza entro le prossime 24 ore». Ricordiamo, l’11 aprile, dopo molti mesi di protesta contro lo sfondo della situazione economica più difficile del paese, l’esercito ha rimosso il presidente Omar al-Bashir, che ha governato il Sudan per 30 anni, e ha preso il controllo dello stato, creando un Consiglio militare temporaneo, sciogliendo il parlamento e sospendendo la costituzione.

Il progetto per costruire il gasdotto Nord Stream-2 rispetta pienamente le leggi e non ha bisogno di un piano «B» nel caso in cui gli Stati Uniti impongano sanzioni. Lo ha annunciato l’agenzia turca Anadolu a Berlino dal rappresentante dell’operatore del progetto, Nord Stream 2 AG, Jens Muller. «Ci sentiamo a nostro agio», ha sottolineato, sottolineando anche che gli investitori esprimono anche un «fermo impegno» nei confronti della causa. Hanno «garantito pienamente il finanziamento» del progetto, ha assicurato l’interlocutore dell’agenzia, sottolineando che la posa dei tubi continua secondo il programma pianificato.

Il capo dell’opposizione dell’Assemblea nazionale del Venezuela, Juan Guaido, che si è dichiarato presidente provvisorio della repubblica, ha detto che il suo rappresentante negli Stati Uniti, Carlos Vecchio, incontrerà Comando americano del Sud il 20 maggio, riferisce RT. Secondo lui, l’incontro si terrà presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. In precedenza, Guayido aveva incaricato il suo rappresentante negli Stati Uniti di stabilire contatti diretti per la cooperazione con l’esercito americano.

Un gruppo di senatori statunitensi ha presentato una proposta di legge per vietare visti americani per studenti e personale di istituzioni associate all’Esercito popolare di liberazione della Cina (PLA). I senatori intendono vietare «alle persone assunte o sponsorizzate da istituzioni militari cinesi di ricevere visti di studio o di ricerca negli Stati Uniti». Come uno degli autori del disegno di legge, il senatore Tom Cotton, osserva in una dichiarazione, «non permettere agli scienziati dell’Esercito popolare di liberazione della Cina di accedere ai nostri laboratori di ricerca è un atto basilare di autodifesa». Secondo un altro senatore, Chuck Grassley, i visti dovrebbero essere «riservati a quei cittadini stranieri che vogliono contribuire alle università e agli istituti di ricerca statunitensi, e non agli oppositori e alle spie straniere che vogliono causare danni».

China National Nuclear Power Corporation (CNNP) ha firmato con la russa Atomstroyexport (ASE), che fa parte della corporazione Rosatom, il contratto generale per la costruzione della terza e quarta unità di potenza della centrale nucleare di Syuyapu, del valore di $ 17 miliardi, riferisce Interfax. L’inizio della costruzione delle unità di potenza è previsto per ottobre 2021 e agosto 2022, rispettivamente. Come precedentemente riportato, a marzo, ASE e CNNP hanno firmato un contratto per un progetto tecnico per la costruzione di queste unità. Conformemente ai contratti firmati, la parte russa progetterà l’isola nucleare della stazione, oltre a fornire l’equipaggiamento chiave dell’isola nucleare per la terza e la quarta unità di potenza della centrale nucleare di Xujapu. Di fatto, la Cina ha consegnato a Rosatom un progetto che in precedenza era stato progettato dalla Westinghouse americana.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)