Home / NEWS  / La coalizione ha colpito Deir ez Zor || Riassunto delle notizie, il 4 gennaio 2019

La coalizione ha colpito Deir ez Zor || Riassunto delle notizie, il 4 gennaio 2019

Un nuovo passaggio di navi ucraine attraverso lo Stretto di Kerch è in preparazione, accompagnato da osservatori internazionali, ha dichiarato Yury Biryukov, un consigliere del presidente dell’Ucraina. Ha detto che Kiev ha il diritto di «passaggio senza impedimenti» dal Mar Nero al Mar d’Azov e nella direzione opposta, i rapporti di RIA Novosti si riferiscono al canale TV di Newsone. «Sì, continueremo a farlo, indipendentemente dal fatto che ai russi piaccia o no», ha detto. Secondo lui, osservatori internazionali accompagneranno i marinai ucraini. In precedenza, il segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina, Aleksandr Turchynov, ha anche affermato che Kiev intende fare un nuovo passaggio per le navi ucraine attraverso lo stretto di Kerch.

A seguito dello sciopero dell’aviazione della coalizione internazionale nella provincia siriana di Deir-ez-Zor, sono stati uccisi 11 civili appartenenti a una famiglia, riferisce RIA Novosti. Il colpo è stato colpito a casa nel villaggio di Sha’af. Ricordiamo che le vittime degli attacchi della coalizione internazionale in Siria sono spesso civili. Così, a dicembre, a seguito di uno sciopero in Deir ez-Zor, 17 civili sono stati uccisi.

Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato l’inizio del ritiro delle truppe americane dalla Siria. Ha aggiunto che gli Stati Uniti continueranno la campagna per contrastare le azioni dell’Iran nella regione del Medio Oriente e farà ogni sforzo per «assicurare la stabilità in tutto il Medio Oriente». «Continueremo a lavorare sulla realizzazione di questi obiettivi. Semplicemente, raggiungeremo tutto questo quando le nostre truppe non sono in Siria «, ha detto il Segretario di Stato americano. Pompeo ha anche sottolineato l’importanza di garantire la sicurezza delle minoranze religiose in Siria ed evitare scontri tra forze turche e curde. «Tutti questi compiti fanno ancora parte della missione americana», ha concluso il capo del Dipartimento di Stato.

Il Partito democratico giovedì, il primo giorno del lavoro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti della 116a convocazione, ha spinto l’adozione di progetti di legge che consentiranno al governo di riprendere il proprio lavoro, ha riferito Interfax. In particolare, i membri del Congresso si sono espressi a favore del finanziamento delle attività del Ministero della sicurezza interna fino all’8 febbraio 2019. Durante questo periodo, il Congresso intende trovare un compromesso sulla questione della protezione del confine degli Stati Uniti dall’immigrazione irregolare. Ora le bollette devono essere approvate dal Senato, più della metà dei seggi in cui i Repubblicani si trovano ad occupare. Ricordiamo, il governo degli Stati Uniti ha parzialmente sospeso il lavoro dalla mezzanotte del 22 dicembre a causa della mancanza di fondi. L’ostacolo era la costruzione del muro al confine con il Messico, richiesto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il presidente brasiliano Zhair Bolsonaru ha detto che la cooperazione militare tra Russia e Venezuela è inquietante e non ha escluso il dispiegamento di una base militare statunitense nel suo paese. «La Russia ha condotto manovre in Venezuela», cita TASS con riferimento al SBT. Bolsonaru non ha escluso che avrebbe potuto discutere con Washington l’apertura della base militare statunitense «a seconda di ciò che accade nel mondo». Allo stesso tempo, ha sottolineato che tale collocazione sarebbe «simbolica», dal momento che «le capacità delle forze armate americane, cinesi e russe raggiungono tutte le parti del mondo, indipendentemente dalla base». Bolsonaru ha detto che il suo «riavvicinamento agli Stati Uniti è un problema economico, ma potrebbe essere militare». Il presidente non ha escluso che il suo paese e gli Stati Uniti «potrebbero concludere un accordo in questo settore».

Il commissario per le relazioni con la Russia del governo tedesco, Dirk Wiese, ha affermato che nel 2019 le relazioni tra i due paesi subirebbero un brusco deterioramento, riferisce RIA Novosti. A suo avviso, ciò è dovuto al fatto che nel 2018 Mosca avrebbe dimostrato una politica altamente imprevedibile. Inoltre, il politico ritiene che ciò sia dovuto alla «responsabilità della Russia per una serie di incidenti avvenuti nel 2018 in tutto il mondo». «Ci siamo occupati dell’avvelenamento dell’ex spia Skripal, poi Mosca ha distorto la spirale della corsa agli armamenti — il Trattato INF può essere chiuso — e su questo argomento dovremo affrontare intensamente il nuovo anno e, naturalmente, mi ricordo della pericolosa dimostrazione di potere nel Mar d’Azov. Pertanto, dichiaro che le relazioni con la Russia peggioreranno quest’anno «, ha spiegato Wiese.
 
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)