La responsabilità del crollo del Trattato INF spetta agli Stati Uniti

  
0

Il Ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti di aver sviluppato un nuovo missile terrestre durante il periodo del Trattato sui missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF). «Accuse non dimostrate contro la Russia in merito al mancato rispetto del Trattato INF sono state usate esclusivamente come scusa per gli Stati Uniti per recedere dall’accordo. Anche durante la sua operazione, gli Stati Uniti stavano sviluppando attivamente un missile terrestre di un raggio proibito», ha detto il ministero in una nota. «Il fatto del test americano del 18 agosto 2019 di un missile che utilizzava il lanciatore universale Mk-41 utilizzato nel sistema di difesa antimissile americano in Romania e Polonia, ha confermato la validità delle rivendicazioni russe contro la Casa Bianca sulla possibilità del loro uso per il lancio di missili terrestri a medio e corto raggio», — notato anche nel dipartimento. Il Ministero della Difesa sottolinea che la responsabilità del crollo del Trattato INF spetta agli Stati Uniti, mentre la Russia non ha testato e non è armata con missili a medio e corto raggio.

Il Verkhovna Rada ha sostenuto in prima lettura il disegno di legge sulle misure per preparare lo stato alla transizione alla legge marziale e «respingere l’aggressione armata», presentata dal presidente Vladimir Zelensky. Si precisa che il disegno di legge è stato sviluppato dal Ministero della Difesa dell’Ucraina come parte dell’attuazione di una delle clausole del «Piano di misure prioritarie per l’attuazione e il mantenimento del regime legale della legge marziale in determinate regioni dell’Ucraina», che è stato approvato il 27 novembre 2018. In caso di adozione definitiva, il documento consentirà di consolidare a livello legislativo la necessità di sviluppare e approvare il piano di difesa dell’Ucraina da parte del presidente.

Le forze armate turche entrarono nel territorio delle province settentrionali della Siria per creare, insieme agli Stati Uniti, una «zona smilitarizzata». Secondo il piano di Ankara e Washington, le forze armate dei due paesi pattugliano un’area di 2.000 km e una profondità di 20 km, che proteggerà i confini turchi dalle forze armate che operano in Siria. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e la Turchia agiscono senza coordinamento con l’esercito russo e le autorità siriane. In realtà, questa è un’aggressione contro un paese sovrano. Per diversi anni, la «questione curda» è rimasta un ostacolo tra Stati Uniti e Turchia. I curdi siriani, che ricevono sostegno militare dagli Stati Uniti per combattere i terroristi, sono visti ad Ankara come una potenziale minaccia. Parte del territorio siriano è sotto il controllo delle forze di autodifesa nazionali curde americane e nessuno sta impedendo a queste forze di attraversare il confine e combattere i turchi con armi americane.

La Corea del Nord ha condotto nuovi test missilistici, lanciando due missili non identificati verso il Mar del Giappone martedì, hanno dichiarato i capi di stato maggiore congiunti della Corea in una nota. I missili lanciati verso est dalla regione interna della provincia di Pyeongan-Namdo hanno volato per circa 330 km. Si noti che le agenzie di intelligence sudcoreane e americane analizzano il tipo esatto di missili lanciati. I militari hanno anche invitato il Nord a «porre immediatamente fine alle azioni che aumentano la tensione». Questo è l’ottavo lancio nell’ultimo mese e mezzo e il decimo da maggio.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un’intervista al quotidiano Trud ha dichiarato che la guerra in Siria è finita. «La guerra in Siria è davvero finita. Il paese sta gradualmente tornando a una vita normale e pacifica», ha detto. Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri russo ha osservato che nei territori non controllati dal governo siriano, ad esempio a Idlib e sulla sponda orientale del fiume Eufrate, restano punti di tensione separati. Secondo il ministro, il paese ha iniziato il processo di ricostruzione e ora in primo piano vi è la fornitura di assistenza umanitaria alla Siria e l’avanzamento del processo politico per risolvere la crisi nel paese. Lavrov ha anche sottolineato che la formazione e l’avvio di un comitato per le riforme costituzionali costituiranno un passo importante per far avanzare il processo politico. Secondo il ministro degli Esteri, la convocazione del comitato consentirà per la prima volta al governo e all’opposizione di avviare un dialogo diretto sul futuro della Siria.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Le truppe siriane hanno raggiunto il confine con la Turchia Александра Донцова 1. Russia-ONU Andrei Belousov, rappresentante permanente aggiunto della Federazione Russa presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, ha affermato che la Russia, in consultazione con altri paesi, si è preparata a […] Las tropas sirias llegaron a la frontera con Turquía Александра Донцова 1.Rusia y ONU Andrey Belousov, el Representante Permanente Adjunto de la Federación de Rusia ante la oficina de la ONU en Ginebra, informó que durante las consultas con otros países Rusia había preparado una decisión sobre el […] Syrian troops reached the border with Turkey Александра Донцова 1. Russia — the UN The Deputy Permanent Representative of Russia to the UN Office in Geneva, Andrei Belousov, announced that Russia, in consultation with other countries, had prepared a proposal for a consideration by […] Riassunto delle notizie, il 16 ottobre 2019 Александра Донцова 1. Siria Un aereo militare non identificato ha attaccato e distrutto completamente una colonna di equipaggiamento militare delle forze governative siriane nella periferia di Manbij, nel nord del paese, riferisce Bloomberg. […] Los kurdos contraatacaron a las fuerzas turcas Александра Донцова 1.EE.UU. En relación con la operación militar realizada por Ankara contra los kurdos en el noreste de Siria las autoridades de los EE.UU. introdujeron las medidas restrictivas contra el Ministerio de Defensa, el Ministerio de […] Le truppe curde contrattaccano le forze turche Александра Донцова 1. USA Le autorità statunitensi hanno introdotto misure restrittive contro i ministeri della difesa e dell’energia della Turchia, secondo il Ministero del Tesoro statunitense. Inoltre, la sua dichiarazione afferma che […] Turquía no excluye la posibilidad de enfrentarse al ejército de Siria Александра Донцова 1.Turquía y Siria Las Noticias de RIA con referencia a Yasin Aktay, el Consejero del presidente turco, informan que Turquía está dispuesta a hacer frente a las fuerzas armadas de Siria en caso del enfrentamiento entre 2 […] La Turchia non esclude gli scontri con l’esercito siriano Александра Донцова 1. Turchia-Siria L’esercito turco respingerà le forze armate siriane in caso di scontro al confine tra i due paesi, ha affermato il consigliere del presidente turco Yasin Aktay. Secondo il consigliere Erdogan, […] Kiev interrompe il ritiro delle armi nel Donbass Александра Донцова 1. 10 ottobre, le forze di sicurezza di Kiev per la seconda volta hanno contrastato il ritiro di forze e beni nell’area numero 2 a Zolotoe nel Donbass. È stato raggiunto un accordo sul ritiro delle forze durante una […]
ANNA-NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх