Home / NEWS  / Le proteste in Venezuela hanno portato alle vittime

Le proteste in Venezuela hanno portato alle vittime

La Casa Bianca ha preparato un progetto di dichiarazione ufficiale del Presidente degli Stati Uniti Trump sull’introduzione dello stato di emergenza, riferisce TASS, citando la CNN. Secondo l’emittente, l’ultima dichiarazione di Trump è stata pubblicata la scorsa settimana e ora propone di stanziare 7 miliardi di dollari per aggirare il Congresso lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. In precedenza, Trump ha dichiarato di avere tutto il diritto di dichiarare lo stato di emergenza nel paese se non raggiunge un accordo con il Congresso sul finanziamento del muro di confine con il Messico.

George Soros ha detto che politica di Trump nei confronti della Cina non è abbastanza severa. Allo stato attuale, le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono in uno stato di guerra fredda, ma c’è il pericolo che diventi «caldo», ha affermato. Secondo lui, «una politica efficace nei confronti della Cina non dovrebbe diventare uno slogan». «Sfortunatamente, il presidente Trump, seguendo un corso diverso, sta facendo concessioni alla Cina, dichiarando la vittoria, mentre riprende gli attacchi contro gli alleati degli Stati Uniti, il che potrebbe minare gli obiettivi della politica americana di arginare gli abusi e gli eccessi dalla Cina». Secondo lui, la Cina è uno stato ricco, forte e tecnologicamente avanzato, che rende Xi Jinping il più pericoloso avversario degli Stati Uniti.

Come hanno conosciuto i corrispondenti di Anna News, la formazione della coalizione curda «Forze della Siria democratica» prese il controllo dell’ultimo avamposto di militanti sulla riva orientale dell’Eufrate. È stato riferito che nel villaggio di Bagoz-Faukani, 470 militanti dell’ISIS si sono arresi. Inoltre, i curdi sono stati anche in grado di tagliare i resti delle bande sconfitte dal confine con l’Iraq: in precedenza è stato riferito che le unità americane ritirate dalla Siria hanno trasferito armi moderne alle forze di autodifesa dei curdi siriani.

Il numero di detenuti durante le proteste in Venezuela, durate dal 21 gennaio, è salito a 364 persone, riferisce TASS con riferimento alla dichiarazione del direttore esecutivo dell’organizzazione non governativa del Forum criminale venezuelano Alfredo Romero. Secondo l’organizzazione non governativa OVCS, gli scontri durante le proteste dell’opposizione negli ultimi giorni hanno causato almeno 26 morti. Ricordiamo, il 23 gennaio, grandi manifestazioni anti-governative organizzate dall’opposizione hanno avuto luogo nella Repubblica. In diverse regioni, sono stati accompagnati da scontri con le forze di sicurezza, che hanno provocato vittime.

Un progetto di legge sulla protezione di Internet è stato presentato alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, anche contro la politica di Russia e Cina nel campo della regolamentazione di Internet. Il progetto nel suo complesso determina la politica di Washington nel cyberspazio e i requisiti che gli Stati Uniti intendono fare nei confronti di altri paesi in questo campo. Tra le altre cose, suggerisce che altri paesi non dovrebbero prescrivere la memorizzazione dei dati Internet sul suo territorio, riferisce RIA Novosti. Tuttavia, il documento non prevede contromisure specifiche, comprese sanzioni. La nota esplicativa afferma che il documento genera una politica informatica internazionale statunitense che promuove «principi democratici» e rigetta «i tentativi da parte di Russia e Cina di ottenere un maggiore controllo e censura su Internet». Altre minacce nel cyberspazio includono anche l’Iran e la Corea del Nord.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)