Home / NEWS  / in Italian  / Le trattative di rappresentanti Maduro e Guaydo a Oslo

Le trattative di rappresentanti Maduro e Guaydo a Oslo

L’amministrazione statunitense ha deciso di sospendere temporaneamente i voli dal Venezuela a causa di una minaccia alla sicurezza, secondo una dichiarazione del Segretario al trasporto degli Stati Uniti, Elaine Chao. «Il Dipartimento per la sicurezza interna ha concluso che esiste una minaccia per la sicurezza di passeggeri, aerei e membri dell’equipaggio che arrivano e escono dal Venezuela, il che richiede l’immediata sospensione di tutti i voli dell’aviazione civile tra gli Stati Uniti e il Venezuela». Il 1 ° maggio, la Federal Aviation Administration degli Stati Uniti ha raccomandato alle compagnie aeree americane e ai loro aeromobili di lasciare il territorio del Venezuela entro 48 ore.

Il maggiore generale Viktor Kupchishin, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra, ha detto che otto cittadini siriani, tra cui due bambini, sono stati uccisi nel bombardamento di militanti dalla zona di Idlib per l’allontanamento di Nairab, nella provincia di Aleppo. «Come risultato del bombardamento del villaggio di En-Nairab, nella provincia di Aleppo, otto cittadini siriani sono stati uccisi, tra cui due bambini, dieci civili sono rimasti feriti», ha detto Kupchishin. Secondo lui, i militanti hanno sparato negli insediamenti nelle province di Latakia, Hama e Aleppo entro 24 ore.

Il Dipartimento di Stato americano ha posto il più alto e il quarto livello di pericolo dell’Iraq e sollecita i suoi cittadini a non recarsi nel paese a causa del terrorismo, del rapimento e dei conflitti armati, secondo quanto riportato da Interfax. «I cittadini statunitensi in Iraq sono ad alto rischio di violenze e rapimenti, in Iraq ci sono numerosi gruppi terroristici e ribelli che attaccano regolarmente sia le forze di sicurezza irachene che i civili», ha detto una dichiarazione pubblicata sul sito web del Dipartimento di Stato. Ricordiamo, il 15 maggio, il dipartimento ha ordinato il richiamo dei dipendenti del governo statunitense dall’ambasciata di Baghdad e tutto il personale non collegato all’implementazione di compiti particolarmente importanti dal consolato americano a Erbil.

I rappresentanti del presidente venezuelano Nicolas Maduro e il leader dell’opposizione Juan Guaydo hanno tenuto colloqui a Oslo per risolvere un’acuta crisi politica, riferisce TASS, citando fonti negli ambienti diplomatici della compagnia radiotelevisiva norvegese NRK. I dettagli delle trattative non vengono divulgati, viene classificato anche il luogo esatto della loro condotta nella capitale norvegese. Le fonti di Canale sostengono che l’incontro delle parti a Oslo si è svolto per la seconda volta, tuttavia, tali contatti non erano stati precedentemente segnalati. Secondo la NRK, il ministero degli esteri norvegese ha organizzato un incontro in coordinamento con le autorità statunitensi.

L’inaugurazione di Vladimir Zelensky, eletto presidente dell’Ucraina, si terrà il 20 maggio, riferisce RIA Novosti. Questa decisione alla riunione di Verkhovna Rada è stata sostenuta da 315 parlamentari con il minimo necessario di 226 voti. In precedenza, il comitato di Verkhovna Rada sulle questioni di regolamentazione ha esaminato sette progetti riguardanti la data dell’inaugurazione di Zelensky e ha raccomandato che il Parlamento votasse su ciascuno di essi. Lo stesso Zelensky ha insistito per giurarlo il 19 maggio. A suo parere, le autorità attuali stanno cercando di ritardare la data di inaugurazione al fine di privarlo del diritto di sciogliere la Verkhovna Rada in termini legislativi.

Gli aerei guidati dalla coalizione araba saudita hanno fatto irruzione nella capitale dello Yemen, Sanou, riferisce Interfax, citando l’Associated Press. I raid aerei sono iniziati presto giovedì mattina. Gli aerei della coalizione hanno colpito i siti militari ussiti, secondo i residenti locali. Inoltre, secondo testimoni oculari, almeno un colpo è caduto su un edificio residenziale. Secondo l’agenzia, a seguito dello sciopero aereo ci sono vittime, tra cui civili. Mercoledì scorso, le autorità saudite hanno riferito che i droni hanno attaccato l’oleodotto est-ovest e hanno suggerito che l’attacco è stato condotto da ribelli hussiti yemeniti.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)